DIALOGO IMMAGINARIO (MA NON TROPPO) TRA UN AUTOREVOLE VALUTATORE E UN VECCHIO ISPETTORE